I migliori investitori Bitcoin e crypto spiegano le loro previsioni per il 2021

E’ stato un anno piuttosto turbolento per il mercato dei criptografi.

A marzo, la Bitcoin era scambiata sotto i 4.000 dollari e molti pensavano che un altro mercato orso fosse all’orizzonte a causa della pandemia. Solo nove mesi dopo, il mercato è euforico, e molti pensavano che il mercato delle cripto-valute avrebbe preso il sopravvento sui mercati finanziari globali.

Gli investitori nello spazio sono giustamente ottimisti per il 2021, soprattutto a causa della quantità di capitale finanziario e umano che entra in Bitcoin, Ethereum, DeFi e altre “industrie” crittografiche.

L’anno di DeFi
Molti dicono che il 2021 sarà l’anno del vero decollo della finanza decentrata.

Mentre il valore totale di DeFi bloccato (TVL) ha visto una crescita del 3.000 per cento negli ultimi 12 mesi, la quantità di capitale in questo spazio rappresenta solo meno del tre per cento di tutto il valore nel mercato della crittovalutazione.

Questo dimostra che c’è spazio per una crescita considerevole con la scala di queste piattaforme.

Andrews Keys, un ex dirigente di ConsenSys, ha scritto in un op-ed per Coinbase che pensa che il valore totale bloccato nella finanza decentralizzata raggiungerà i 150 miliardi di dollari:

“Ma altre reti entreranno nello spazio in modo più materiale, mettendo altri gettoni nativi a lavorare nell’ecosistema DeFi dell’Ethereum”. Con le varie opzioni tokenized bitcoin (tBTC, ren, wBTC) che stanno crescendo in popolarità, vedremo i 430 miliardi di dollari di mercato di bitcoin garantiti in DeFi. Questo farà crescere la TVL in DeFi in modo esponenziale”.

A ciò hanno fatto eco altri partecipanti al mercato, come Andrew Kang, managing partner di Mechanism Capital.

Egli ha detto a Global Coin Research e al suo seguito su Twitter che ci saranno oltre 100 miliardi di dollari di valore bloccato in questo spazio nascente entro il 2021.

Anche diversi altri investitori menzionati in quel rapporto di Global Coin Research, tra cui Simon Kim di Hashed e Kelvin Koh di Spartan Capital, hanno menzionato un obiettivo simile per il 2021.

Bitcoin a raggiungere i 50.000 dollari e oltre

L’altra previsione più comune è quella che la Bitcoin superi un prezzo di 50.000 dollari, che le darebbe una capitalizzazione di mercato di oltre 1.000 miliardi di dollari.

Ciò che rende interessante questa previsione è che si tratta solo di un rialzo dell’80% circa rispetto ai livelli di prezzo attuali. Mentre questo sarebbe salutare per qualsiasi altro bene nello spazio, un rally dell’80% è in realtà molto al di sotto di quello che molti si aspettano per il 2021.

Un fattore da considerare è che durante i mercati dei tori, alcuni investitori potrebbero essere più esitanti a vendere BTC che se fossero in altre fasi del mercato, come la fase dell’orso. Ciò significa che l’investimento di un dollaro può avere un effetto maggiore di quello che ha avuto durante il mercato degli orsi.

Stack Funds nennt BTC-Korrektur “gesunden Rückzug” und sagt Stierrennen voraus

Stack Funds, der Anbieter von Krypto-Index-Fonds, hat den Rückzug auf dem BTC-Markt bereits als “gesunde” Korrektur bezeichnet und behauptet, er sei notwendig, bevor Bitcoin seinen Aufwärtstrend fortsetzen könne.

Vorhersage einer sich abzeichnenden “Euphorie”-Phase

Anfang dieser Woche waren die Aufwärtstendenzen am höchsten, als es Bitcoin gelang, die 19.000-Dollar-Marke zu durchbrechen, nachdem es zuvor sieben Wochen in Folge Gewinne verzeichnet hatte. Stack Funds wies jedoch darauf hin, dass Bitcoin seit Oktober überkauft war, was die Notwendigkeit einer Korrektur nur noch weiter unterstützte.

Zur Rechtfertigung nahm das Unternehmen die Marktpsychologie und seine Kennzahlen für Bitcoin genauer unter die Lupe. Nach Angaben des Indexfondsanbieters befinden sich die Marktteilnehmer derzeit in der “Glaubensphase”. Laut Stack Funds wird diese Stimmung jedoch zu gegebener Zeit in die “Euphorie”-Phase der Marktstimmung übergehen.

Glassnode Sentiments beweisen drohende Hausse

Stack Funds zitiert die Daten von Glassnode, einem Anbieter von Kryptodaten, um seine Behauptungen zu untermauern. Insbesondere zitiert der Anbieter des Kryptofonds den von Glassnode bereitgestellten nicht realisierten Nettogewinn/-verlust (NUPL). Dieser vergleicht den aktuellen Preis einer BTC mit dem Preis jeder Münze, als diese zuletzt auf der Kette bewegt wurde.

Historisch gesehen lassen sich die Marktspitzen zuverlässig in dem Moment erkennen, in dem mehr als 95% der Menschen in die Gewinnzone gekommen sind. Durch den Zusammenbruch verschiedener Marktstaaten ist Glassnode in der Lage, die übergreifenden Makrozyklen der ersten Krypto-Währung der Welt aufzubrechen.

Dieser “Glaubens”-Zustand, der gegenwärtig vom Bitcoin-Markt gehalten wird, in den er erst diesen Monat eingezogen ist, wird seit über einem Jahr im Jahr 2017 während dieses großen Bullenmarktes gehalten. Auf diesem Markt stieg Bitcoin um unglaubliche 2.250 %, von 850 $ auf 20.000 $.

Ein Rückgang von 17% hätte schlimmer sein können

Vergleicht man die Daten des Bullenmarktes 2017 mit dem aktuellen Stand von Bitcoin, erklärt der Fonds, dass ein Viertel dieses Preisanstiegs in diesem Jahr dazu führen wird, dass Bitcoin bis zum nächsten Jahr die 86.000-Dollar-Marke überschreiten wird, wenn der Raum in die “Euphorie”-Phase eintritt.

Auch viele andere Analysten haben sich geäußert und darüber spekuliert. Sie sind überzeugt, dass diese Marktkorrektur die Talsohle bereits durchschritten hat. Mati Greenspan, der Gründer von Quantum Economics, ging sogar so weit, einen 17%igen Rückzug angesichts der Phase des Zyklus auf dem Bitcoin-Markt als eher zahm zu bezeichnen.

Lark Davis, eine prominente Krypto-Persönlichkeit, hob hervor, dass es nicht einmal lange dauerte, bis die Korrektur bei ihrem aktuellen Preis, der bei etwa 16.500 Dollar liegt, zum Stillstand kam. Daher ist er sich nicht sicher, ob dieser Einbruch dort bleiben wird, wo er war, oder ob er sogar noch tiefer geht.

American Express invests in a cryptographic platform

American Express invests in a cryptographic platform for institutional clients

American Express (AmEx) has revealed an investment in the FalconX encryption platform. The exchange is designed for institutions and claims $3 billion in volume per month.

American Express (AmEx), the renowned payment card provider, enters the cryptomastics market with multi-million dollar financing in FalconX. The company is developing a trading platform for cryptomoney trading dedicated to institutional investors.

Neither company has disclosed the size of the investment, although The News Spy it follows an initial financing of $17 million in May. The round included the participation of Accel, Accomplice VC, Avon Ventures, Coinbase Ventures, Fenbushi Capital, Flybridge Capital and Lightspeed Venture Partners.

Harshul Sanghi, Head of American Express Ventures, commented on the investment:

“American Express Ventures invests in startups to better understand the emerging areas of the payments ecosystem, and we are pleased to support FalconX as it moves into the cryptomatics space. »

Increase in institutional activity

In addition to the recent investment by American Express, FalconX has reported strong growth in its institutional client base and revenues. Revenues have increased by 350% since May. The platform claims a trading volume of approximately $3 billion per month and has 250 institutional clients.

Raghu Yarlagadda, co-founder of FalconX, explained :

“A growing number of companies and hedge funds are interested in cryptography. We are at the heart of this institutional growth. »

FalconX explains that fund managers are treating cryptomoney as a hedge against inflation and recent macroeconomic policies.

In June, FalconX announced a partnership with startup TRM Labs, supported by PayPal, to monitor transactions and provide real-time information on potential money laundering and other illegal activity on the platform.

FalconX also intends to explore a payment service dedicated to cryptography, and could benefit from AmEx’s experience.

Atari partners with Enjin (ENJ) for the development of NFTs

The iconic Atari continues its exploration of the world of non-fungible tokens (NFTs) by partnering with the Enjin (ENJ) project. Together, companies are committed to promoting the integration of blockchain in video games.

Atari lands in the Enjin ecosystem

The Enjin (ENJ) project is known to be one of the forerunners of the world of non-fungible tokens (NFTs), mainly in the video game industry. For Atari , which has entered the cryptocurrency world for some time now, it was only natural to collaborate with Enjin.

From now on, all games in the Enjin ecosystem will be able to use Atari’s intellectual property, even integrating some of its iconic licenses like Pong.

The first game to benefit from this will be Kick Off Evolution , created by eBallR Games which will be available from 2021. This sports-themed video game will feature an Atari-inspired NFT which will be available for purchase during the month of December.

“We are very happy with this collaboration with Atari and its launch with our latest Enjin adopter, eBallR Games. Atari resonates with all audiences because the name Atari is synonymous with gaming, and its belief in blockchain shows the maturity of this technology and the tools now available, ”said Alex Russman, Director of Business Development at Crypto Revolt.

For Atari, being able to combine NFTs with an interactive experience is very enriching. The group says it is particularly enthusiastic about the idea of ​​innovating in the sector, and this is already what it has been doing for several months.

A rather difficult entry into the market

Besides his particular interest in the world of NFTs, Atari went further. The group recently launched its own token , ATRI . Rather expected by investors and the crypto-community, all did not go as planned for Atari. Unfortunately, the price of the ATRI token plummeted very quickly upon its arrival on the markets, even falling below the price of its public fundraising.

Due to technical issues related to the distribution of pre-purchased tokens during fundraising and too few use cases upon release, the token dropped by -75% in just 2 days.

ATRI Atari course prices

Although Atari’s token is not very successful, the group already occupies a large place in the world of NFTs. In addition to Enjin, Atari has already joined other ecosystems, including that of the Ultra (UOS) video game distribution platform . Ultra will be natively integrated into the reboot of the Atari VCS, a PC / console hybrid that will be launched in March 2021.

Atari has also made a place for itself in the virtual world of The Sandbox (SAND), a blockchain game whose universe is based on NFTs owned by players.

Anyway, Atari does not intend to leave aside the world of NFTs and wishes to take advantage of the many capacities of this ecosystem to return to the fore. Ultimately, its ATRI token should gain many use cases if Atari goes further in its collaborations, which will improve the image of the token.

La fornitura di Chainlink di proprietà delle balene è in declino

La fornitura di Chainlink di proprietà delle balene è in declino; Ecco perché

Il prezzo di Chainlink sta scivolando più basso oggi, in quanto l’intero mercato dei cripto-cripter mostra alcuni segni di debolezza. La sua continua discesa è dovuta al fatto che BTC scende al di sotto dei 19.000 dollari e che anche altre valute crittografiche come l’ETH diventano più basse.

Finora il calo visto da LINK si è attenuato, ma si sta rapidamente avvicinando a un livello di supporto cruciale che si è mantenuto forte in più occasioni nel corso dell’ultima settimana.

Sembra che l’incapacità di Bitcoin di superare i suoi massimi di tutti i tempi nella regione da metà a fine anno a 19.000 dollari sia parte del Bitcoin Era motivo per cui gli altcoin stanno lottando per guadagnare slancio. Finché non riuscirà a guadagnare uno slancio decisivo verso l’alto e a fissare nuovi massimi, gli investitori potrebbero continuare a fuggire dalle attività a rischio più elevato.

Una società di analisi sta ora notando che Chainlink sta crescendo in modo fondamentalmente forte man mano che i gettoni crescono sempre più distribuiti tra i titolari.

Notano che l’offerta di LINK detenuta dai primi 10 portafogli è diminuita, mentre il numero di nuovi indirizzi creati inizia a salire.

Questo significa che il cripto potrebbe essere sul punto di vedere una forte spinta verso l’alto, in quanto parla della crescente pressione di acquisto tra i commercianti al dettaglio.

Il collegamento a catena si immerge nel supporto chiave come Altcoins Selloff

Al momento della scrittura, Chainlink è in calo di poco più del 4% al suo prezzo attuale di 12,94 dollari. Questo è all’incirca il prezzo al quale è stato scambiato negli ultimi giorni.

Solo pochi giorni fa, il crypto è sceso ai minimi di 12,40 dollari prima di trovare un forte supporto che lo ha aiutato a risalire oltre i 13,00 dollari.

Anche se ora si sta rompendo al di sotto di questo livello, c’è qualche serio supporto appena sotto dove sta attualmente facendo trading che potrebbe aiutare a rallentare la sua discesa e portare ad un ulteriore rialzo nei giorni e nelle settimane a venire.

Piattaforma di analisi: LINK vede il diluvio di nuovi investitori

Nonostante la stagnazione dei prezzi di Chainlink, la criptovaluta ha visto un’ondata di nuovi investitori che probabilmente continueranno ad aumentare la sua azione sui prezzi nelle settimane e nei mesi a venire.

Parlando di questo, una società di analisi ha dichiarato che il numero di nuovi indirizzi è in crescita, indicando che nuovi investitori al dettaglio stanno versando denaro in LINK nonostante la sua tendenza alla stagnazione.

“La percentuale dell’offerta di LINK detenuta dai 10 indirizzi più grandi delle balene continua a diminuire fino a dicembre. Tuttavia, la crescita della rete (nuovi indirizzi creati) ha ripreso a crescere, il che potrebbe essere una valida spiegazione”.

Se questa tendenza persiste, potrebbe in ultima analisi contrastare i venti contrari che hanno causato il calo del prezzo della criptovaluta nell’ultima settimana.